Giancarlo Bonino

Giancarlo Bonino

Percussionista di ricchissima esperienza in ambiti assai diversi (folk, pop, jazz), scopre, attraverso l’incontro con l’arpista torinese Enrico Euron la passione per la musica irlandese e per il bodhrán: le sue personalissime interpretazioni ritmiche caratterizzano da sempre le performances del gruppo Túatha dé Danann, di cui è cofondatore.

Francesco (Frantz) Pallaro

Francesco (Frantz) Pallaro

Chitarrista classico ed elettrico, è laureato in filosofia, con studi estetica e teorie sulla percezione, filosofia teoretica, storia della scienza e psicologia. Ha ideato e realizzato a Chieri il progetto “Infinite Art” (scuola di musica, sala prove, studio di registrazione), con cui sta sviluppando progetti di e-learning d affiancare alla didattica tradizionale.

Filippo Mongiardino

Filippo Mongiardino

Completati gli studi, si dedica allo studio della musica antica e degli strumenti d’epoca,  anche nella dimensione organologica e tecnologica, costruendo copie storiche di flauti del ’5-’700 e  lavorando ad importanti interventi di restauro. Unisce all’attività concertistica quella didattica. E’ autore ed arrangiatore di musica per ragazzi.

Francesco Colucci

Francesco Colucci

Folk fiddler per elezione, ha esordito con l’“old time” americano (Appalachian County, Hoboes) per approdare poi al repertorio irlandese, prima con Eire Nua, poi con Liltin’ Haddocks e Zest. Ha collaborato con dancing master quali Padraig e Roisin Mc Eneany, Patrick O’ Dea, Tess Edelmann e compagnie quali John O’ Leary, Reeldancers e Carolando.

Enrico Euron

Enrico Euron

Diplomato in Organo e Composizione Organistica, ha studiato l’arpa celtica in Irlanda e Bretagna, ottenendo prestigiosi riconoscimenti. La sua attività di solista lo ha visto al fianco di prestigiosi interpreti quali i Chieftains, Vincenzo Zitello, Myrdhin, Grainne Hambly. E’ autore di  composizioni e opere didattiche per l’Arpa Celtica.

Emiliana Borello

Emiliana Borello

Conosciuta ed apprezzata in special modo in ambito pop e folk, si è imposta all’attenzione del pubblico nell’affronto di una letteratura musicale assai vasta. Ha collaborato a numerose produzioni, in formazioni vocali e strumentali, su repertorio che dal canto monodico medievale giunge alla polifonia cinque-seicentesca.